PROGRAMMA

PROGRAMMA ELETTORALE
MOVIMENTO 5 STELLE SPILIMBERGO

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 29 APRILE 2018

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE E PARTECIPAZIONE

ECONOMIA CIRCOLARE, AMBIENTE E SALUTE

URBANISTICA E MOBILITA’ SOSTENIBILE

TURISMO E CULTURA

POLITICHE SOCIALI E SICUREZZA

Il MoVimento Cinque Stelle di Spilimbergo appartiene ai cittadini. Non ha sponsor, non ha finanziamenti pubblici o di partiti, non ha banche o gruppi industriali alle spalle.
Presentiamo un programma costruito con il contributo dei cittadini, frutto di un anno di lavoro sul territorio, durante il quale abbiamo ascoltato le istanze e raccolto i suggerimenti di quanti hanno risposto al nostro appello. E’ nato così un programma dinamico che intende gettare le basi per un’amministrazione trasparente e promuovere un percorso partecipato che metta al centro il cittadino e le sue esigenze. Per il nostro territorio vogliamo uno sviluppo sostenibile, equilibrato e di lungo termine che sia in grado di dare nuovo slancio alle attività produttive, al turismo, alla cultura, al settore agroalimentare, puntando sulle numerose eccellenze e risorse già presenti, tra cui la Scuola Mosaicisti del Friuli, l’area SIC del Tagliamento e il Teatro Miotto. Innovazione, mobilità sostenibile, salute e rispetto dell’ambiente rappresentano aspettiprioritari della nostra politica vicina al cittadino.
Mettiamo la questione dell’inquinamento ambientale e del ciclo dei rifiuti al centro del nostro  progetto politico per Spilimbergo impegnandoci a mappare e bonificare i siti maggiormente inquinati, recuperare i materiali, ridurre gli imballaggi secondo un approccio che consideri l’intero ciclo di vita dei prodotti. Siamo convinti che si debba fermare il consumo selvaggio di suolo, valorizzando prima le costruzioni esistenti e disponibili.
Consideriamo la qualità della vita umana il principale indicatore del benessere dellanostra società, facciamo nostro il principio di precauzione, il principio dell’azione preventiva e il principio della correzione, in via prioritaria alla fonte, dei danni causati all’ambiente. Il fine ultimo dell’attuazione del nostro programma è di lasciare alle generazioni future una città migliore di quella che abbiamo trovato, migliorando la qualità della vita e la coesione sociale con l’aiuto delle nuove tecnologie ma sempre nel pieno rispetto dell’ambiente che ci ospita.

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE E PARTECIPAZIONE

1. Sviluppo di una cultura della partecipazione pubblica alle decisioni di interesse comune attraverso pratiche di democrazia partecipativa che assicurino la più ampia rappresentatività. L’Amministrazione promuove a tal fine l’informazione, la consultazione, il coinvolgimento, la cooperazione e l’empowerment della cittadinanza riguardo ai problemi di interesse comune. L’Amministrazione si impegna a tenere conto degli esiti del processo deliberativo (responsiveness) e a renderne conto alla cittadinanza in caso di richieste rimaste inesaudite (accountability).

2. Promozione della democrazia di prossimità attraverso la convocazione dei Consigli comunali di zona, trimestrali o eccezionali in concomitanza della realizzazione di importanti progetti o opere pubbliche che riguardino tale zona. I Consigli sono convocati al fine di ascoltare le necessità locali, di informare e di consultare la comunità sui progetti o sulle opere pubbliche in corso di realizzazione o da proporre nella zona di riferimento. Vi parteciperà il Sindaco, e in assenza di questo, un suo delegato. I cittadini riceveranno l’invito di convocazione ai Consigli comunali di zona tramite il mezzo ritenuto più adeguato.

3. Pubblicazione del bilancio comunale in forma completa e in forma semplificata al fine di rendere le sezioni del bilancio di maggiore interesse pubblico più accessibili, chiare e trasparenti alla cittadinanza.

4. Sperimentazione del bilancio partecipativo attraverso un percorso strutturato in diverse fasi: la preselezione dei temi generali da parte dell’Amministrazione; la convocazione dei Consigli comunali di zona per favorire l’emersione dei bisogni e delle proposte relative a tali temi; l’individuazione delle priorità tramite degli appositi sistemi di votazione; la valutazione della fattibilità delle proposte; rendicontazione sugli esiti del percorso.

5. Trasmissione della diretta streaming del Consiglio comunale, entro i limiti stabiliti dalla legge.

6. Potenziamento dell’e-government, ossia l’utilizzo delle tecnologie digitali e della rete internet per ottimizzare l’interazione tra la Pubblica Amministrazione e l’insieme dei cittadini, società civile, imprese e altre Pubbliche Amministrazioni. L’obiettivo è migliorare l’efficienza, semplificare e rendere più economiche e tempestive le comunicazioni o l’erogazione dei servizi.

7. Utilizzo o concessione ad uso gratuito degli spazi di proprietà comunale a favore della promozione di attività di interesse comune, previa valutazione dell’Amministrazione, e per un periodo di tempo congruo.

8. Apertura di uno sportello comunale d’informazione sulle opportunità offerte dall’Unione Europea e di gestione dei progetti a valere sui fondi indiretti europei, oltre alla proposta e gestione di eventuali progetti a valere su programmi di finanziamento diretto europeo.

ECONOMIA CIRCOLARE, AMBIENTE E SALUTE

1. Ricerca e promozione di soluzioni per il riciclo e la trasformazione dei rifiuti in risorse per la comunità. In secondo luogo, intendiamo impegnarci per incentivare la buona pratica del vuoto a rendere, nei supermercati o in altri spazi idonei.

2. Divieto di insediamenti industriali insalubri di classe prima. Sensibilizzazione dei Comuni vicini verso le nuove politiche per la tutela del territorio e della salute dei suoi abitanti.

3. Mappatura e bonifica dei siti maggiormente inquinati sul territorio, auspicando il coinvolgimento dell’Istituto d’Istruzione Superiore Il Tagliamento in un progetto di riqualificazione e pulizia dei terreni mediante la coltivazione di canapa industriale, girasoli e graminacee.

4. Avvio di un progetto esecutivo da attuare al termine del contratto di affitto dell’inceneritore di proprietà di Eco Mistral Spa e situato nella Zona Industriale Cosa che preveda una conversione o smantellamento dello stesso con bonifica dei territori coinvolti.

5. Inserire nel territorio compattatori e cassonetti intelligenti per le lattine e le bottiglie di plastica, premiando la raccolta differenziata con buoni sconto e bonus sulla spesa.

6. Promozione di azioni contro lo spreco alimentare. Si valuteranno a tal fine le buone pratiche regionali, nazionali ed europee per realizzare un’efficiente distribuzione delle eccedenze alimentari sul territorio, coinvolgendo attivamente le attività commerciali interessate (ad esempio i supermercati) e le associazioni di volontariato impegnate su questo tema. Si prevedranno misure di sensibilizzazione dei cittadini contro lo spreco alimentare.

7. Previsione di iniziative di incentivazione all’insediamento di start-up sul territorio comunale, come la messa a disposizione di spazi di co-working di proprietà comunale per la condivisione dell’ambiente di lavoro, pur mantenendo l’attività indipendente, e altri servizi condivisi.

8. Pubblicazione sul sito del Comune delle proprietà industriali (ad esempio capannoni sfitti) e dei terreni agricoli o edificabili in vendita sul territorio comunale, con relativo riferimento dell’agenzia o del privato che si occupa della vendita, al fine di facilitare l’insediamento di attività produttive o industriali o agricole.

9. Integrare la protezione e la gestione sostenibile dell’acqua nei processi di pianificazione urbanistica e nelle decisioni di politica locale. A tal fine si valuteranno progetti di “acquificazione” del territorio comunale urbano e rurale. Si prevedono azioni per salvaguardare i corridoi ecologici (fossi, boschetti, piccoli stagni nelle aree agricole) a difesa della biodiversità, della mobilità e dell’interscambio genetico delle specie.

10. Realizzazione di ulteriori case dell’acqua da distribuirsi nei quartieri di Spilimbergo e frazioni.

URBANISTICA E MOBILITA’ SOSTENIBILE

1. Manutenzione e ampliamento dei marciapiedi, del manto stradale e della segnaletica ovunque ce ne sia bisogno e per ordine di priorità. L’Amministrazione si avvarrà di un servizio informatico (ad esempio l’App del Sindaco) per facilitare la cittadinanza nella segnalazione di eventuali buche o altri problemi riguardanti la viabilità. Si procederà alla nomina di un Responsabile di zona (ad esempio un nonno vigile) che svolga a titolo volontario un servizio di controllo del territorio al fine di segnalare all’Amministrazione, in via diretta, ulteriori ed eventuali problemi che riguardino la viabilità nella zona di competenza.

2. Abbattimento delle barriere architettoniche.

3. Promozione della mobilità elettrica attraverso l’apertura di centraline per la ricarica elettrica dei veicoli.

4. Progettazione integrata di piste ciclabili di collegamento tra il centro e la periferia spilimberghese e tra il centro di Spilimbergo e le sue frazioni. A tal fine si prevede un forte impegno per la conversione in pista ciclabile del tratto di ferrovia che interessa il territorio comunale.

5. Mantenimento del decoro nei luoghi di pubblico interesse, come la stazione delle corriere, il centro cittadino e i parchi pubblici.

6. Realizzazione di un’area ricreativa e di sgambamento per cani sul territorio comunale.

7. Valutazione di fattibilità ed eventuale sviluppo di un progetto di rigenerazione urbana nelle aree estrattive dismesse volto alla realizzazione di una pista asfaltata e una pista in terra battuta con l’affidamento della gestione organizzativa ed economica tramite bando di gara. L’intento è di offrire uno spazio attrezzato agli appassionati di sport su due e quattro ruote e risolvere l’annosa questione sull’utilizzo illecito del territorio SIC del Tagliamento per tali attività. Gli spazi interessati dalle cave dismesse potranno essere utilizzati per l’organizzazione di festival musicali la cui propagazione sonora non vada a disturbare i centri abitati.

8. Progetto di valorizzazione ambientale e turistica e miglioramento della sicurezza nell’area SIC del Tagliamento ricompresa nel territorio spilimberghese.

9. Rigenerazione e recupero del muro di cinta nel parco comunale in Via Giuseppe Mazzini.

10. Progetto di rigenerazione urbana partecipata del quartiere PEP – Via Filanda Vecchia attraverso il coinvolgimento della comunità locale in un percorso strutturato di democrazia partecipativa.

11. Creazione di un parco giochi per la comunità dei bambini di Tauriano.

12. Il centro della frazione di Gaio ha bisogno di una piazza quale luogo di ritrovo per la comunità dei suoi abitanti: a tal fine si valuterà l’acquisto di edifici nell’area di interesse per la realizzazione della piazza. Il centro della frazione sarà adeguatamente indicato tramite segnaletica verticale posta sulla strada provinciale (SP1). Si valuteranno eventuali allargamenti delle strade della frazione, in particolare la strada di collegamento tra la strada provinciale (SP1) e l’area festeggiamenti Pro Loco “I due campanili” e via Damiano Chiesa.

13. Nella frazione di Baseglia sono stati riscontrati numerosi ristagni di acqua sul manto stradale per i quali si cercherà di provvedere, anche valutando l’avvio di una seria manutenzione delle perdite dei condotti dell’acqua.

14. Si ritiene necessaria la sistemazione delle strade sterrate di collegamento tra i cimiteri di Gaio e Baseglia con Via Tagliamento poiché soggette alla continua erosione dell’acqua.

TURISMO E CULTURA

1. Cantieri Mosaico: realizzazione di percorsi tematici e di un’esposizione permanente di opere musive, in modo da rendere la città un riferimento culturale per le scuole e per gli enti. Apertura di un centro attrezzato di proprietà comunale per la visita e la vendita di opere prodotte dagli studenti della Scuola Mosaicisti del Friuli. Inserimento nel contesto urbano di opere musive d’impatto, non fisse, in modo da poter essere spostate e disposte a seconda delle esigenze strategico-logistiche e delle dinamiche turistiche del momento.

2. Favorire eventi culturali di pubblico interesse e progettualità di alto profilo culturale (spettacoli musicali, presentazioni di libri, teatro friulano) con ospiti nazionali ed internazionali, fino ad esaurimento dei fondi previsti.  Si intende favorire l’allestimento di rassegne teatrali e di spettacoli musicali e corali, ad esempio presso il rinnovato Cinema Teatro Miotto, nonché l’utilizzo di tale spazio in funzione didattica da parte degli studenti delle scuole comunali e delle associazioni interessate (ad esempio per la promozione di laboratori musicali e teatrali).

3. Installazione del wi-fi gratuito per una fruizione ampia che comprenda il centro cittadino e le frazioni.

4. Erogazione di corsi d’informatica di base anche al fine di facilitare l’accesso ai servizi di e-governement.

5. Insegnamento dell’educazione civica e costituzionale.

6. Coinvolgimento degli anziani in iniziative socio-culturali nelle scuole comunali, come i laboratori generazionali per l’apprendimento degli antichi mestieri.

7. Incentivare la lettura e la crescita personale attraverso eventi e percorsi strutturati. A tal fine si intende mantenere l’estensione degli orari di apertura della Biblioteca civica e ottimizzare gli spazi a disposizione della stessa.

8. Le moderne tecnologie offrono strumenti meravigliosi per conoscere e far conoscere il nostro patrimonio: noi intendiamo utilizzarle per creare nuove forme di accessibilità e di fruizione del nostro territorio comunale. Intraprendere la digitalizzazione del patrimonio spilimberghese in ambiente 3D oltre ad un grande incentivo al turismo è uno strumento, a basso costo, che può permettere a molte persone inabili per motivi di salute o impossibilitati per motivi economici di poter godere, seppur virtualmente dei nostri tesori storico culturali.

9. Promozione del mercatino agroalimentare del giovedì presso Piazza Garibaldi

POLITICHE SOCIALI E SICUREZZA

1. Apertura di uno sportello comunale, collegato al Centro Sos Anti-Equitalia di Pordenone, che rappresenti un punto di riferimento per l’ascolto, l’informazione e la tutela di quei cittadini o imprenditori che ritengono di essere stati ingiustamente colpiti dallo Stato.

2. Siamo consapevoli della mancanza di spazi comunali per l’aggregazione giovanile e per lo sviluppo di progettualità creative da parte dei giovani. L’obiettivo è di individuare e mettere a disposizione degli spazi di proprietà comunale o in affitto per gli spettacoli musicali di gruppi locali ed emergenti o per altri progetti giovanili che saranno considerati meritevoli di attenzione e promozione.

3. Coinvolgimento dei giovani cittadini in iniziative creative, sportive, di volontariato. Creazione di un fondo per iniziative culturali e di aggregazione giovanile, secondo le disponibilità di bilancio del Comune.

4. Supporto e incentivi al miglioramento della qualità del servizio di assistenza domiciliare per gli anziani (ad esempio valorizzando l’istituto dell’amministratore di sostegno a favore degli anziani).

5. Sviluppo di progetti di dialogo e integrazione delle minoranze presenti sul territorio comunale attraverso un loro coinvolgimento attivo. A tale fine si valuteranno le buone pratiche a livello nazionale ed europeo (a titolo esemplificativo il progetto “Biblioteca vivente”).

6. Realizzazione di un orto sociale, come luogo di incontro e di integrazione intergenerazionale, per i giovani, gli anziani, le famiglie, i lavoratori, i disoccupati, le persone di diversa nazionalità e origine sociale. Attraverso le attività collettive di giardinaggio, orticoltura e frutticoltura si potranno promuovere l’educazione e la formazione di adulti e bambini, il rispetto per l’ambiente, uno stile di vita improntato alla sostenibilità e la creazione di legami sociali. L’orto sociale può sorgere in un parco o giardino da riqualificare all’interno del Comune, la cui individuazione spetterà all’Amministrazione comunale.
Per la gestione dell’orto sociale, il Comune potrebbe avvalersi della collaborazione degli studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore Il Tagliamento iscritti all’indirizzo Agraria.

7. Si intende dare continuità all’erogazione di corsi volontari di lingua italiana e di educazione civica per i richiedenti asilo ospitati sul territorio comunale. Un obiettivo dell’Amministrazione sarà di garantire una maggiore trasparenza sulla gestione dei richiedenti asilo sul suolo comunale.

8. Lotta alla ludopatia, continuando a concedere agevolazioni fiscali o incentivi solo alle attività commerciali dichiaratesi “NO SLOT”. In alternativa alle agevolazioni fiscali si studierà una strategia di promozione pubblicitaria dedicata a tali attività, attraverso la creazione di un circolo di comunicazione del Comune.

9. Garantire l’apertura e la continuità dell’attività di ascolto dello sportello antiviolenza.

10. Introduzione di un Regolamento comunale sul baratto amministrativo, come previsto dal nuovo Codice dei contratti pubblici. L’adozione del baratto amministrativo permette ai Comuni di accordare agevolazioni tributarie, consistenti nella temporanea esenzione e/o riduzione di tributi locali, sulla base di progetti presentati da cittadini singoli o associati nell’ambito delle tipologie di interventi previsti dal Regolamento. Questi potranno riguardare la pulizia, la manutenzione, l’abbellimento delle aree verdi, piazze o strade, ovvero la loro valorizzazione mediante iniziative culturali di vario genere, interventi di decoro urbano, di recupero e di uso con finalità di interesse generale, di aree e beni immobili inutilizzati.

11. Coinvolgimento di persone partecipanti a programmi di reinserimento sociale nella cura degli spazi verdi.

12. In materia di pubblica sicurezza e di decoro urbano sarà predisposto e potenziato unsistema di videosorveglianza nei luoghi pubblici o aperti al pubblico su tutto il territorio comunale, in particolare in quelle aree soggette all’abusivo scarico di rifiuti.

13. Lotta alla disoccupazione sul territorio comunale attraverso il reinserimento sociale dei cittadini inoccupati e delle categorie a rischio e il potenziamento dell’attività svolta dall’ufficio per l’impiego.