Il sacchetto dove lo metto

Questo avviso la settimana scorsa ha scatenato accese discussioni sui social, i sacchi fuori dai contenitori non verranno raccolti, e pur essendo una cosa già risaputa da tempo molti cittadini si sono scagliati contro il servizio a loro detta inadeguato.

Cosa è mancato?
A nostro parere è mancata una condivisione ed un confronto tra l’amministrazione e la cittadinanza, dopo l’incontro iniziale c’è stato il nulla. Forse inutile ricordare quanto sia importante un costante dialogo tra le parti, cosi come è importante una corretta educazione al rifiuto è altrettanto importante ascoltare le criticità espresse dalla cittadinanza in determinate realtà del teritorio.

Cosa si può fare?
Come detto riaprire un confronto su questa tematica è quantomeno doveroso, una soluzione messa nero su bianco già nel nostro programma è quella di inserire nel territorio gli eco-compattatori per creare una filiera corta di riciclo che stimoli e semplifichi la raccolta differenziata, risolvendo l’importante problema del volume dei rifiuti generati ogni giorno fuori casa.
La plastica è un materiale che sempre di più sta compromettendo il nostro ecosistema, gran parte dei nostri rifiuti sono imballi di cui potremo benissimo fare a meno.
Gli eco-compattatori intelligenti sono usati da più di vent’anni in paesi come Svizzera e Germania, sono uno strumento a basso costo che trasforma direttamente il rifiuto in risorsa pronta per essere rivenduta, un piccolo volano economico che una piccola comunità come quella di Spilimbergo dovrebbe tenere seriamente in considerazione.

Quindi senza aspettare che soggetti privati si muovano in tal senso, non ci rimane che continuare a sensibilizzare l’attuale amministrazione ad intraprendere queste piccole innovazioni che a nostro avviso possono e devono portare benefici tangibili sia in termini di qualità di vita della nostra comunità che in termini di rispetto dell’ ambiente che ci circonda.

Il tutto in attesa di una politica comunale volta ad una strategia a rifiuti zero.

Alfredo Parisi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *