Resoconto Consiglio Comunale 27/12/2017

Che fosse una mattinata atipica si è capito subito oggi in consiglio comunale, sala gremita di cittadini e posti a sedere tutti occupati. L’ approvazione dello schema di convenzione finalizzata alla cessione di area di proprietà comunale ed alla realizzazione di un impianto di teleriscaldamento passa dall’ ultimo punto dell’ ordine del giorno al primo.
Viene chiamato a parlare l’amministratore di Eco Eridania deludendo tutti quelli che si aspettavano rassicurazioni sulla salute e l’ambiente circostante, agli Spilimberghesi interessa poco dell’acqua calda “gratis” per la piscina se questo comporta danni alla cittadinanza, purtroppo tutto il discorso dell’ amministratore è stato di carattere prettamente economico.

Partendo del vecchio progetto Eco Eridania argomenta testualmente:

Abbiamo ripreso in mano tutto quanto, abbiamo visto quello che era stato fatto in termini di studi e progettazione ecc. ecc. ma abbiamo ritenuto che quello che era stato fatto non era più in linea con le nuove tecnologie attuali e con tutto quello che il progresso ha portato in questi ultimi anni percui abbiamo deciso di rifare di nuovo tutto. Ora per fare questo progetto però chiaramente dovevamo stabilire una convenzione perchè ovviamente l’impianto ricadeva su un area del comune, ora in questi giorni ho visto che ci son state un pò di polemiche però in realtà noi vogliamo acquistare l’area perchè non possiamo fare investimenti così importanti su un area che è di altri, secondo ho visto anche dalle dichiarazioni e dagli articoli ……. poca correttezza, è stata secondo me data un informazione non puntuale ovvero il comune cede l’area ma terrà sempre un vantaggio economico, ho visto anche un articolo che mi pare sia comparso il 24, in poche parole anche se vogliamo parlare di numeri complessivi oggi noi al comune di Spilimbergo paghiamo un affitto che equivale a circa 166 mila euro l’anno, benissimo, è stato fatto periziare il terreno è stato anche poi deliberato dalla giunta insomma, meccanismi che io non conosco ma che voi conoscete benissimo, alla fine è stato deciso qual’era il valore di questo terreno e noi abbiamo manifestato l’interesse ad acquistarlo. Dando perà al comune in cambio la garanzia che questi soldi li prenderà sempre, in particolare la cifra prevista viene addirittura raddoppiata perchè, perchè si parla di circa 330 mila euro che saranno; come verranno erogati da Eco Eridania qualora la convenzione vada a buon fine, saranno erogati dando la possibilità a tutti i locali di proprietà comunale verrà concesso tutta una serie di cose che sono presenti nell’accordo poi lo vedrete nei suoi dettati, garantendo tralaltro che quello che sarà il gestore del teleriscaldamento perchè sappiate che Eco Eridania costruisce la rete però la rete è subito di proprietà comunale perchè realizzata su suolo pubblico e sarà poi il comune che dovrà fare un bando per scegliere quello che sarà il gestore, noi non è il nostro mestiere, non siamo abilitato a farlo, non siamo preparati a farlo quindi è giusto che ci sia anche da parte del comune che poi è il vero proprietario della rete una gara d’appalto per poi scegliere chi sarà il gestore.
Questo gestore già per convenzione dovrà praticare uno sconto per l’acqua calda consumata nei locali di proprietà comunale che devono andare a equiparare l’importo di circa 330 mila euro. Questo era solo per chiarire, poi partiamo col filmato che volevo farvi capire chi è Eco Eridania.

Parte una musichetta vintage da videogame anni 80 ed immagini stile spot, video non parlato solo musichetta e qualche scritta sgranata difficile da leggere, non posso farvi vedere il video ma posso farvi vedere da dove è nato, e cioè dal video di 4 anni fa per i 25 anni di Eco Eridania che per vostra fortuna ha una musichetta nettamente migliore. [Qui]
C’è da chiedersi chi venderebbe un terreno che frutta 160 mila euro l’anno per avere 330 mila euro di acqua calda chissà tra quanti anni … comunque andiamo avanti.
Finito il video nella tristezza generale dopo alcuni secondi di silenzio parte un applauso scherzoso di un cittadino con conseguente coro: Bravi !!!

Il rappresentante di Eco Eridania riprende testualmente:

Quindi stavo dicendo prima… quando siamo arrivati quà in realtà all’ inizio ho visto di questo progetto che partiva dal passato ma come succede spesso avvolte le cose succedono per motivi di dettaglio che non hanno nulla a che vedere con le strategie o chissà quali argomenti complicati.
Devo dire che quando il mio presidente è venuto quà è andato a visitare il centro del progetto Spilimbergo e li gli hanno detto che la piscina era vuota perchè avevano problemi economici ecc. ecco è bastata lui si è innamorato di questa cosa qua è bastato quella visita per cominciare dentro di lui e poi contagiare tutti quanti noi sul fatto che forse bisognava dare la possibilità di acqua calda non solo per il quartiere di Spilimbergo ma anche per la piscina, gli impianti sportivi e questo significava dare tutta una serie di vantaggi per quanto riguarda poi anche la manutenzione che il teleriscaldamento permette a differenza dell’impianto tradizionale a caldaia. Chiaramente bisognava poi dimensionare l’impianto, perchè l’impianto esistente non era in grado di fornire l’energia necessaria a portare questa acqua calda nei siti che erano stati mappati. Da qui nasce poi l’esigenza di rivedere un attimo per potenziare l’impianto esistente e di questo poi tutti i dettagli tecnici sono quà per rispondere se avete delle domande so che c’è stato un passaggio in una commissione ambiente del comune però se qualcuno ha delle domande per quello che so e che posso vi rispondo con…. L’ impianto del teleriscaldamento l’abbiamo un attimo rivisto anche rispetto all’ originale, ovvero la rete sarà maggiore più saranno messi degli stacchi come li chiamano i tecnici ovvero per portare poi il teleriscaldamento anche nelle frazioni.
Spiego semplicemente perchè il progetto viene impostato in questo modo, non essendo noi gestori e non volendo pregiudicare la [incomprensibile] da parte di un player, un operatore di settore, quindi abbiamo ritenuto di fare solamente una dorsale come la chiamano principale dove non saranno collegati solo edifici comunali ma anche edifici pubblici, somma l’ospedale la casa di riposo e altre istituzioni che sono già inserite in un elenco che è allegato alla convenzione in modo che poi saranno i cittadini come è successo a udine.. l’allacciamento del teleriscaldamento sta andando avanti in maniera progressiva ogni mese si aggiungono domande nuove chiaramente perchè, perchè è inutile portare una dorsale principale se poi le domande sono molto scarse oppure se non trovano interesse… quindi diciamo che quello è un mestiere che verrà fatto dopo.
[…] Quello che voglio dire è che comunque chiaramente siccome bisogna sempre garantire il rifornimento di acqua calda, anche il potenziamento dell’impianto non sarà sufficente bisognerà comunque prevedere una caldaia che usi in questo caso gas metano o un combustibile tradizionale ci potrebbero essere qualsiasi problemi ma l’acqua calda deve arrivare sempre 24 ore su 24 sette giorni su sette.
[…]

Domanda di un cittadino:

Mi scusi i dati sulle  vostre emissioni dove si possono vedere, con quale frequenza, chi li fà ?

Risposta:

Allora i dati, noi abbiamo visto che c’è tutto questo interesse abbiamo pensato di inserire nel nostro sito, perchè dovete sapere, che anche qui le informazioni sono passate un pò così, noi abbiamo due centraline in particolare che monitorano di continuo, una riguarda il mercurio, l’altra riguarda le diossine sono due centraline che sono collegate di continuo con l’arpa quindi non sono manipolabili e i dati sono in tempo reale […] Io ho parlato anche un pò di tempo fa con il presidente della vostra municipalizzata Ambiente e Servizi stà portando tutti i rifiuti che non riesce a recuperare della raccolta che fa sui comuni intressati dal suo bacino gli stà portando in Repubblica Ceca. […]

Le emissioni saranno in tempo reale ma sul sito c’è sempre un buco di due mesi [Qui]. Per quanto riguarda la storia della Repubblica Ceca ci informeremo…

Un altro cittadino si alza per fare una domanda, ma vedendo l’andazzo si ricorda che la seduta non è aperta al pubblico e che è già stata fatta un eccezione, finisce la discussione in merito e si rimanda tutto a Febbraio.
I cittadini lasciano la sala del consiglio per andare nella sala degli specchi, li gettano le basi per il futuro comitato cittadino che senza bandiere politiche si batterà per fare quello che la politica sembra restia a fare, cioè occuparsi della nostra salute eseguendo controlli mirati sul territorio circostante, sugli animali e sui bambini che vivono nelle vicinanze dell’attuale inceneritore. Tenendo conto delle realtà inquinanti nei comuni a noi confinanti e il triste lascito di realtà come sintesi e bisazza è di fondamentale importanza stabilire l’attuale avvelenamento del territorio.

Vi allego la famosa convenzione [Convenzione Inceneritore], leggetela con attenzione perchè oltre a mancare un progetto preliminare del Nuovo Impianto è anche privo di studi sull’impatto ambientale derivante dall’ aumento delle quantità incenerite. Tralalto non è stato messo nero su bianco la chiusura del vecchio inceneritore anzi, come possiamo leggere dalla convenzione il nuovo impianto sarà “sinergico” a quello esistente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *